vaccaro rifugio monte

Rifugio Vaccaro

Indicazioni per il rifugio Vaccaro, uno splendido posto per stare in tranquillità in mezzo al verde
Total distance: 5.57 km
Max elevation: 1486 m
Min elevation: 706 m
Total climbing: 781 m

Difficoltà tecnica: ★★★☆☆

Tempo di percorrenza: 2.00 h

Lunghezza percorso: 5,6 km 

Sentieri: CAI 240 – 240A

Indicazioni

Benvenuti in una nuova guida! La meta di oggi è il rifugio Vaccaro, un posto tranquillo nei pressi di Parre in cui trascorrere una giornata in mezzo alla natura e all’insegna del relax.

Arrivati al parcheggio che si trova qui (Fig.1), percorriamo la breve salita che ci porta al punto di partenza (Fig.2).
Imbocchiamo la strada asfaltata a sinistra del cartello e, dopo un tratto in salita, al bivio (Fig.3) svoltiamo a destra proseguendo dritti sulla strada asfaltata (Fig.4).

Giunti all’incrocio saliamo verso destra seguendo il percorso principale (Fig.5) continuando dritti anche ai due bivi successivi (Fig.6) (Fig.7).

Alla fine della salita imbocchiamo il sentiero sterrato sulla sinistra (Fig.8) e alla diramazione successiva ci manteniamo sulla destra (Fig.9) fino ad arrivare ad una piazzola con una fontanella (Fig.10).
Prendiamo il sentiero a destra della scalinata e dopo poco seguiamo l’indicazione per “Forcella Rifugio Vaccaro” proseguendo sulla sinistra (Fig.11).

Percorso un tratto nel bosco, alla biforcazione seguente ci manteniamo a destra (Fig.12) continuando l’ascesa seguendo le indicazioni (Fig.13).

Dopo un modesto tratto il sentiero si apre sui pascoli e svoltiamo a sinistra prima del casolare (Fig.14).
Imbocchiamo nuovamente la strada asfaltata (Fig.15) e ci manteniamo a sinistra all’ultimo bivio (Fig.16). Complimenti abbiamo raggiunto il rifugio Vaccaro! (Fig.17)

EXTRA: Giro panoramico partendo dal rifugio 

Abbiamo pensato che una volta al rifugio fosse ben accetto proporre un giro ad anello panoramico niente male. 

Tempo di percorrenza: 1.40h

Torniamo verso l’entrata del rifugio e ripercorriamo un pezzo del sentiero fatto all’andata (Fig.1B) fino ad arrivare alla casella appena prima del Vaccaro, lì svoltiamo a sinistra lungo la mulattiera in salita (Fig.2B). 

Proseguiamo dritti per un po’ (Fig.3B), al primo bivio continuiamo tenendo la sinistra (Fig.4B). Per un bel pezzo è quasi impossibile sbagliare strada, continuiamo quindi a tenere il percorso principale (Fig.5B) fino ad arrivare ad una fattoria che si trova sulla nostra destra. Dopo averla sorpassata, troveremo davanti a noi un laghetto, aggiriamolo (Fig.6B) per tornare sul sentiero panoramico (Fig.7B). 

Da qui iniziamo la discesa per tornare al rifugio (Fig.8B). 

 

Il sentiero diventa leggermente più tecnico ma resta comunque adatto a tutti (Fig.9B). Proseguiamo la discesa e per un bel pezzo ci manteniamo sul percorso principale senza deviazioni (Fig.10B), (Fig.11B). 

Incontreremo un bivio più avanti, si tratta dell’ultima biforcazione ben segnalata da un cartello molto chiaro che indica “Vaccaro”, seguiamo quella direzione e quindi prendiamo il sentiero di destra, quello più in alto tra i due (Fig.12B). 

Il gioco è fatto, ci manca ancora qualche minuto di camminata, qui possiamo ammirare i tratti (secondo noi) più belli di questo percorso panoramico (Fig.13B), per poi concludere arrivando alle spalle del rifugio (Fig.14B).